The Yard Jam – report

Eccomi ancora qui con le news dalla scena anglosassone. Ed ancora una volta una news piena di terra, uomini muniti di pale, cariole e macchine che scavano, cani e pecore. The Yard, una dirt jam nel giardino di Bob Manchester per celebrare la fine della stagione “asciutta” se così si può chiamare l’estate inglese… Il setup è molto semplice, una sola linea costruita per l’occasione: rollin alto 10 metri giusto per prendere un pò di velocità, roller e primo salto grosso, o meglio gigante, poi un secondo salto che spara in cielo, dopodichè un bel “racer” basso e lungo anche lui intorno ai 10 metri, per arrivare sul quarto e ultimo salto facile facile per lanciare un pò di tricks spessi.

Già da sabato mattina sono almeno una cinquantina i presenti, e le prime tende sono già piazzate in fondo alla linea di salti. Il terreno è scorrevolissimo grazie al duro lavoro dei ragazzi che hanno collaborato ai lavori, e al sole che da almeno due o tre giorni è presente e fa anch’esso il suo sporco lavoro, che è quello di indurire i salti. I riders iniziano a scaldarsi e fa quasi paura vedere Matt Priest volare con il suo inconfondibile stile senza addosso nessuna protezione oltre che i vestiti! Intanto mentre le pecore, da dietro il loro recinto, tengono sotto controllo la situazione, i cani, ignari di quello che sta succedendo continuano a voler giocare con la palla.

Il dj, che non avendo più vestiti ha dovuto indossare la bandiera americana, mette in palio cinque sterline dalla sua tasca per il primo rider che che cappotta sul racer, il salto basso e lungo 10 metri che era descritto sopra. Intanto l‘Uomo-carne, conosciuto anche come l’addetto alla griglia, presente in tutti i trail, continua tranquillamente a servire hamburger, tanto anche lui, come tutti, sa che nessuno proverà mai un backflip su quella distanza!

Pochi minuti dopo droppa Ben Wallace, primo salto e booom! Backflip enorme, roba già vista e rivista, niente di impressionante. Secondo salto e un altro backflip, pulito, chiuso alla perfezione per entrare veloce nel salto di allungo, e anche lì…Sbam! Un’altro backflip! Il dj perde la scommessa e Wallace, ovviamente si lancia ancora un altro backflip anche sull’ultimo salto! Chi ha vinto o chi ha perso non lo sappiamo perchè siamo dovuti andare via presto, oppure siamo rimasti ma eravamo troppo ubriachi per ricordarcelo, oppure non lo vogliamo neanche sapere perchè in un evento come questo non importa a nessuno vincere, perchè quello che conta è solo il divertimento! Per questo invitiamo tutti coloro che leggono questo articolo, a prendere la bici e una pala, andare nel bosco più vicino e divertirsi! Poi se un giorno verrà a trovarvi un rider inglese in sella a una pit-bike, magari è stato lui a vincere il best trick! Nel frattempo se volete vedere un pò di foto della giornata, le trovate come sempre in cima all’articolo. Enjoy!

Ora, se proprio volete sapere chi ha vinto, abbiamo anche recuperato i risultati:

  1. Ben Wallace
  2. Jack Marchant
  3. 3. Bob Manchester

Best trick: Bob Manchester

3 Risposte “The Yard Jam – report”

Lascia un commento


sette − 6 =