“Nuotare” senz’acqua a Modena

Ancora una volta Modena ci regala del materiale veramente interessante che dovrebbe essere fonte di ispirazione per molti riders.. quelli che si lamentano perchè non hanno spots e quelli che ne hanno anche troppi e si stancano di girare nei soliti posti. Vi avviso unica cosa importante è avere una grande dose di pazienza e buona volontà che di questo tempo è difficile da trovare in molti giovanissimi ma spero e mi auguro che le parole dell’amico Uollas e le foto di Barbier vi possano dare una bella scossa per mettervi alla ricerca di qualcosa che fa pur sempre parte dello spirito da bmx rider. Buona lettura!

“Esplorare, andare alla ricerca di luoghi sperduti, nascosti, abbandonati. E’ un attività che mi è sempre piaciuta e che ho sempre praticato assiduamente, fin da bambino. Con gli anni il piacere della scoperta fine a se stessa è mutato. Ora cerco luoghi dove sia possibile girare in BMX. Ho perso il conto delle ore passate a caccia di spot sperduti, quanto tempo passato in auto, a camminare su argini per kilometri, tra i rovi, ad arrampicarsi su impervi pendii, sotto il sole cocente o sorpreso all’improvviso da un acquazzone estivo spesso per non trovare nulla; ma spesso non è sempre. A volte qualcosa è stato scoperto, accidentalmente o seguendo indicazioni. Ma sto divagando.

Dovete sapere che ho sempre avuto un pallino: Trovare e girare in una piscina, non una di quelle bowl che, qualcuno chiama erroneamente pool, costruite per ricordare le piscine californiane, io intendo un posto dove una volta si nuotava. Cosi potete immaginare la mia emozione quando incappai in questa piscina abbandonata. Certo non è raggiata ed è lontanissima da essere perfetta ma forse è proprio questo il suo fascino.
il problema era sempre stato lo smodato quantitativo d’acqua che essa conteneva. Diverse volte ho tentato, coinvolgendo diversi amici a svuotarla e pulirla, ma siamo sempre stati bloccati dal maltempo.
Fino a quest’estate. A fine agosto mi sono reso conto da quanto tempo non pioveva e c’era sempre stato un caldo incredibile,cosi sono partito per una breve ricognizione, per capire quant’acqua mi sarebbe toccato scodellare fuori e.. SORPRESA! non credevo ai miei occhi: Era vuota. Dopo qualche telefonata si decide di andare a pulirla il giorno seguente e di raidarla, fino a quando, Barbier non guarda le previsioni. Il giorno dopo ci sarebbe caduto in testa il cielo. Cosi nuovo giro di telefonate e tutti sono d’accordo. Si va subito nonostante poche ore di luce rimaste e la piscina ancora da pulire c’è chi si fa i chilometri per venire. La pulizia dello spot è avvenuta senza intoppi e si inizia a girare. Tutti sorridono o sogghignano, consapevoli della situazione rara che stavamo condividendo. Si gira senza sosta, fino a quando la luce lo consente. Tutti si divertono. Impossibile il contrario. nel tornare alle macchine sembriamo tanti Jocker da quanto ce la ridiamo. Bè siete ancora qua a leggere?! alzate il culo ed andate ad esplorare la città, la campagna ed i monti! Ci sono spot che attendono solo di essere trovati! Io certo non mi fermerò e, chissà, prima o poi potrei trovare una piscina raggiata..Divertitevi!Pace!”

12 Risposte ““Nuotare” senz’acqua a Modena”

    • Fengchao

      Da alcuni anni e8 qanuto vado sostenendo, malgrado lo scetticismo dei mie interlocutori. Con il passaggio dai negozi alla grande distribuzione si e8 perso il rapporto cliente (fidelizzato)/venditore (e consigliere agli acquisti). Molti, per i quali il prezzo non e8 una motivazione sufficiente, sono frustrati dall’atteggiamento insofferente dei (pochi) commessi dei grandi centri commerciali. Ristabilire un il rapporto di fiducia puf2 solo portare ad un aumento del fatturato Alex

      Rispondi
      • Krishna

        di citare faotcmatini test scientifici bisognerebbe documentarsi. Riportare una tabella con dati statisticamente *non* significativi, come fa Goog7e, mi puzza di dsinformazione. Nell’articolo citato da Goog7e, a commento di dati riportati, gli stessi autori scrivono che display color is a significant determinant of on power for CRTs, but not for LCDs ed aggiungono che we did not measure the full effect and contrast settings , ma una diversa ricerca ha mostrato che these factors have a greater impact on the range of LCD on power than do resolution or screen color .

        Rispondi
    • Sharu

      la serie B di basket, tra l’altro c’erano anche i pfyaolf di calcio, ma ovviamente intendevo che la maggior parte degli eventi sportivi pif9 seguiti non c’era ieri pomeriggio quando ho messo l’articolo (per quanto riguarda milano-caserta hai ragione , ma dovevano ancora giocare)

      Rispondi
      • Bahar

        la mia osservazione era puamrente teorica: non sono un elettronico, ma non credo l’alimentatore switching del monitor cambi il suo cos-FI al variare della potenza a lui richiesta dalll’elettronica del monitor, quindi, in pratica la misura della corrente e8 direttamente correlabile al consumo dell’apparecchio.Tuttavia e8 sempre meglio essere super-precisi: qualche detrattore pronto ad attaccarsi a cavilli teorici si trova sempre!A me piacciono i desktop e le interfacce su base nera (vedi ad esempio l’apparenza Alienware per Win-XP) e mi dispiace aver appreso che non riducono il consumo.Saluti a tutti!

        Rispondi
  1. Laurine

    e cosa dovrebbe dire? qual’e8 il fine della coainucmzione pubblicitaria se non vendere, favorire il ricordo, stimolare il riacquisto?Mi spiego, ogni bene o prodotto ha i suoi obiettivi misurabili in vendite, quote di mercato ecc. sui quali verificare la bonte0 delle stragegie messe in campo, la scelta del mix e dei media ma quale sarebbe il valore aggiunto delle agenzie, degli account e dei consulenti se non riescono a conciliare le esigenze commerciali di vendita con dei valori che possano dare al marchio una personalite0 distinta? I prodotti si vendono, la marca si costruisce.

    Rispondi

Lascia un commento


+ otto = 14